Venerdì 31 ottobre 2014 -
CHI SIAMO?

The Post Internazionale è un giornale online: raccontiamo storie dal mondo con reportage, inchieste e fotografie. Ogni giorno la politica internazionale senza giri di parole.
La redazione è composta da giovani reporter e collaboratori in tutto il mondo.

Mondo > Africa e Medio Oriente > Madagascar

Giovedì 10 ottobre 2013

Peste bubbonica

Tra i prigionieri delle carceri in Madagascar si sta diffondendo la peste. E potrebbe diventare un'epidemia
Peste bubbonica

(Reuters/Siphiwe Sibeko)

Articoli CorrelatiUn caso sospetto di ebola in ItaliaL'ebola uccide più donne che uominiContro Ebola, più informazione L'ebola che uccide l'AfricaUn colpo al cuore

Gli esperti avvertono: se non rallenta la diffusione di peste, il Madagascar rischia una vera e propria epidemia.

L’anno scorso, è stato registrato il numero più alto a livello mondiale di persone contagiate, ben 256 casi tra cui 60 morti.

La peste bubbonica, detta anche peste nera, in Europa scomparve nel XVII secolo ma resta tuttora un grave problema di salute pubblica in molte parti del mondo.

In Madagascar, la peste è endemica nella popolazione animale e si diffonde molto facilmente nelle carceri a causa delle pulci di peste che si attaccano ai ratti contagiando i prigionieri.

Ci sono 3.000 detenuti della prigione principale di Antanimora , nel cuore della capitale Antananarivo, che vivono in condizioni durissime, circondati da una popolazione enorme di ratti che diffonde pulci infette attraverso scorte di cibo, coperte e vestiti.

Con il mese di ottobre la situazione non migliorerà, visto che il clima caldo umido favorisce il diffondersi della malattia.

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR ) di Ginevra e dell'Istituto Pasteur si dichiarano preoccupati perché il contagio può uscire dalle carceri e diffondersi in tutto il Paese.

comments powered by Disqus